The Niro e le sue canzoni “homemade”

Canzoni casalinghe, fatte in casa, nella solitudine emozionale che si trasforma in arte. Ed è un piacere ascoltarle in questa versione intimista che The Niro ha realizzato in “Homemade Vol.1“, una raccolta di cinque brani inediti, pubblicata il 26 ottobre per La Fabbrica Etichetta Indipendente.

Ancora una volta, sonorità introspettive, accoglienti, calde. Come lui stesso dichiara: “Quando ascolto queste versioni mi sento a casa. Lì sono nate, e lì, nella vostra casa, da soli, vi invito ad ascoltarle”. The Niro torna a cantare in inglese, nella veste che secondo Rocktelling, più lo valorizza. E’ una questione prettamente sonora. La voce si espande in un arcobaleno di suoni regalando immaginari poetici, prima ancora di capire il significato dei testi. E’ un percorso emozionale che merita la dovuta attenzione. La musica di The Niro è questo.

Perciò, prima di premere “play“, mettetevi comodi, chiudete gli occhi ed entrate nella soffice “dimora musicale” di The Niro. Lasciatevi incantare.

Intanto, se volete sentire The Niro dal vivo, a partire dal 1°dicembre, inizierà il “B-sides tour” che, come già spiega il nome, sarà un concerto dove verranno suonate tutte quelle canzoni che non sono mai state incluse in alcun album. I dettagli del tour e altre novità, li trovate sulla sua pagina Facebook: https://www.facebook.com/pg/theniroofficial/

Una curiosità

Il disco è dedicato a GianlucaVaccaro (padre artistico di The Niro) il produttore musicale scomparso nel 2017 che, per vent’anni, si è dedicato a curare i lavori dei più grandi nomi della discografia italiana.

La musica di The Niro è disponibile su:

(Sotto i link, segue una breve intervista)

YouTube

Spotify

Deezer

https://www.deezer.com/it/artist/75205?autoplay=true

E’ facile creare un set acustico in casa?Vorrei capire come hai registrato, considerato che la qualità è notevole.

Ti ringrazio! Ho iniziato a registrare a casa (nei primi anni duemila) con un pc Pentium II e un Cubase Vst, uno Shure Beta 58 e una scheda audio Terratec. Ascoltando i provini che tiravo fuori, già all’epoca, mi ritenevo soddisfatto. Anche perché sapevo che un giorno li avrei perfezionati in studio. In seguito, riascoltandoli, ho capito che molti di questi non li avrei cambiati di una virgola. Ed è durante questi ascolti che mi è venuta l’idea di pubblicarli, appunto, in versione “homemade“. Da qualche tempo sono passato al Mac e come scheda audio ho una Apogee Duo Duet. In generale, creare un set acustico è semplice se sai già cosa vuoi tirar fuori.

Il nome “Homemade Vol.1” fa auspicare in prossime pubblicazioni. E’ così? Ho letto che uscirà il nuovo disco in primavera.

Sì, confermo. “Homemade” sarà un percorso parallelo alla discografia ufficiale e racconterà il mio mondo lo-fi attraverso uscite periodiche. Ho tantissimi brani da parte e sto già lavorando al Vol.2! Per quanto riguarda il disco, posso dire che sarà in italiano e che uscirà in primavera, prodotto da Roberto Procaccini e Gianluca Vaccaro al “Terminal 2 Studio” di Roma.

Che ricordo hai di Gianluca Vaccaro? Potresti raccontare il ruolo che ha giocato nella tua vita e la sua importanza?

Gianluca, oltre ad esser stato il più grande e talentuoso produttore con cui potessi lavorare, per me era diventato un fratello maggiore, un padre ed un amico. E’ merito suo se oggi ancora vivo la musica come un sogno realizzato. Ricordo il nostro primo incontro come fosse ieri. Gianluca aveva un entusiasmo contagioso. Si buttava con una vitalità incredibile, in imprese anche apparentemente impossibili (come poteva essere la mia!). Abbiamo lavorato, fianco a fianco, per oltre quindici anni. E insieme a Roberto Procaccini, siamo stati una famiglia. Gianluca, purtroppo ci ha lasciati nel maggio dello scorso anno, ancora giovanissimo. Dopo la sua morte, io e Roberto ci siamo presi quasi un anno di pausa dalle registrazioni. Il “solo vederci”, faceva scattare la molla dei ricordi. Mi manca tanto.

Altri articoli su The Niro:

Alla scoperta di “The Niro”

The Niro is “Nowhere”

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

[BODY] GRAPHIC BY: KIARA PORTRAITS [/BODY]