THING MOTE

Tra le proposte d’ascolto arrivate a Rocktelling, ci sono i Thing Mote. “Thing Mote” significa “luogo di ritrovo“, inteso come spazio artistico-culturale, governato da profondi rapporti umani.

Robokiller” è l’album d’esordio della band veronese, prodotto da Jacopo Gobber nel suo Flaming Studio di Verona e pubblicato da Cabezon Records.

Il messaggio che i Thing Mote vogliono comunicare con questo disco è la riflessione sulla progressiva perdita di umanità e del rapporto che lega l’uomo alla tecnologia in questi strani giorni.

Dice la band:
“Viviamo in una società ormai incentrata sulla comunicazione digitale, ognuno di noi ormai ha una vita reale e una vita virtuale, con il rischio di non riconoscere più quale sia quella vera. La tecnologia quindi, invade il nostro quotidiano, mutandoci nel profondo, anche inconsciamente. Attenzione, l’album non vuole essere una sorta di manifesto luddista, ma anzi, vuole essere uno spunto di riflessione, estremizzando talvolta alcune situazioni: Robokiller rappresenta quindi una sorta di “Black Mirror” musicale, ovviamente in chiave rock.”

I Thing Mote sono: Tommaso Zanardi (voce e chitarra ), Giuliano Fasoli (voce e chitarra), Pietro Donnarumma (basso), Fabio Dai Prè (batteria).

Se siete appassionati di Nu Metal, questo è il disco che può fare al caso vostro. Troverete anche un po’ di grunge, che a Rocktelling non dispiace! Dieci tracce, scritte in inglese, con cui poter pogare e sfogare la propria ribellione. Avete capito bene.

Robokiller è un disco che non viene capito subito. Caotico e ripetitivo in alcuni momenti per poi sfociare nella massima espressione musicale della band. Da metà disco in poi, si levano i fronzoli e si va al necessario, all’essenza della band, di ciò che vogliono comunicare e rappresentare. Rischiavano di scivolare nel banale e invece, con gran sorpresa, si rialza la vetta dell’attenzione per scoprire un discreto talento.

I brani consigliati da Rocktelling sono gli ultimi quattro del disco: Her, Machines are coming, Hoax, Wasteland. Più riflessivi, capaci di entrare nelle profondità del dark e del grunge. Caratterizzanti. Decisamente i migliori.

Il disco uscirà il 5 giugno. Appena sarà disponibile sulle piattaforme on line, Rocktelling posterà i link per l’ascolto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

[BODY] GRAPHIC BY: KIARA PORTRAITS [/BODY]