Dan Howls

Tra le proposte d’ascolto, approvate da Rocktelling, ci sono gli australiani Dan Howls, dal conturbante psych blues.

Che succede quando si mixa il groove accattivante dei Kasabian e il blues rockeggiante dei Black Keys? Semplice. Ne esce un cocktail fiammeggiante dal nome “Dan Howls”. La loro musica è un concentrato di suoni sexy e variopinti che sanno portare l’ascoltatore verso stati allucinati di bellezza. Dopo “Down and out” uno sporco brano blues seducente, esce “Fever Chills”, il nuovo singolo dalla scatenata gran cassa lisergica, che precede l’uscita dell’attesissimo secondo disco, prevista per gli inizi del 2022.

“Fever Chills” (28 maggio 2021 – Howls Records) – Dan Howls

“Fever Chills” racconta di quando Dan e la sua compagna di band, Julia, stavano suonando in alcuni spettacoli in India e lei si ammalò con una febbre sospetta, dati i tempi da Covid. I due restarono rinchiusi in un ostello fino all’alba. L’unico pensiero che fece compagnia a Dan tutta la notte, fu il continuo senso di impotenza davanti quella situazione inaspettata e la preoccupazione mista alla speranza che la sua amica guarisse.

Ma andiamo indietro nel tempo e rispeschiamo il primo disco autoprodotto dei Dan Howls, “A dime a dozen”, pubblicato nel 2018. Come definirlo? Una ubriacatura di stoner blues salvifica. E ho detto tutto! Buon ascolto.

A dime a dozen (1 ottobre 2018 – Dock 7 Records & Management) – Dan Howls

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

[BODY] GRAPHIC BY: KIARA PORTRAITS [/BODY]