I Righeira, i La Bionda e i Depeche Mode

“L’estate sta finendo e un anno se ne va, sto diventando grande, lo sai che non mi va”, cantavano i Righeira. E come darci torto. Una hit del 1985 che ancora oggi disegna alla perfezione la nostalgia di qualcosa di bello che ancora una volta se ne va, per lasciar spazio al noiosissimo e disturbante dovere di tutti i giorni, distratti da un motivo dance.

Insieme ai Righeira, c’erano i fratelli La Bionda, che dal 1982 al 1987 si occuparono della produzione discografica della band. Prima “Vamos a la playa”, poi “No tengo dinero”, fino a “L’estate sta finendo”.

“L’estate sta finendo” (maggio 1985 – CGD Records) – Righeira

Siamo nei Logic  Studios di Via Quintigliano 40 a Miliano dove i La Bionda, agli inizi degli anni ’80, sanciscono definitivamente il loro status di producers di fama mondiale. Pionieri del genere italo disco, dopo aver prodotto negli anni ’70 i lavori discografici di Amanda Lear, aver scritto brani per i maggiori cantanti italiani, scritto jingle per spot nazionali diventati tormentoni e inciso ad esempio, la hit “One for you, One for me” (giusto per dare un accenno di cosa siano capaci di fare questi due insieme), i La Bionda aprono le porte anche ad artisti stranieri nella loro dimora discografica. E chi si presenta un giorno da loro? I Depeche Mode!

Vabè.. prima di loro son passati anche Ray Charles, Robert Palmer e Paul Young ma poco mi importa. I Depeche Mode! Avete presente “Violator”, il disco del 1990 da cui uscirono due brani iconici dell’elettronica anni ’80, nonché della discografia mondiale, ovvero “Personal Jesus” ed “Enjoy the silence”? Beh.. quel disco è stato prodotto in parte in Italia, precisamente nei Logic Studios di Milano. La band si è dedicata alla produzione del disco, dal maggio del 1989 fino al gennaio del 1990, dividendosi tra i Puk Studios dello Jutland (Danimarca) e i Logic Studios di Milano.

Quando penso ad artisti santificabili davanti al Dio del Rock che approdano in terra nostrana, per fare, non un semplice concerto, ma creare musica e lasciarsi ispirare dai maestri italiani e dai nostri usi e costumi io vado fuori di testa! Perché non siamo mai stati patria di rock band stratosferiche ma almeno, ogni tanto, gli dei dell’olimpo del Rock vengono a farci visita.

Ah, una chicca che ho scordato di dire: Rocco Tanica degli Elio E Le Storie Tese, esordì nel team dei Logic Studios dei fratelli La Bionda. Fu presentato da Lu Colombo, la cantante dell’iconica e intramontabile “Maracaibo”. Della serie che “negli ambienti musicali, gira che ti rigira… ti ci ritrovi”, ecco.

La versione più intima di “L’estate sta finendo”, si trova nel lato B del singolo ed è suonata al pianoforte da Rocco Tanica. 

“Prima dell’estate” (lato B, maggio 1985 – CGD Records) – Righeira 

Fonte: https://www.rockol.it/news-715931/righeira-l-estate-sta-finendo-35-anni-dopo-carmelo-la-bionda

Quella di Rocktelling

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

[BODY] GRAPHIC BY: KIARA PORTRAITS [/BODY]